E’ essenziale che il paziente affetto da linfedema, primario e secondario, degli arti inferiori sia informato sulle norme igienico-comportamentali da inserire nella vita quotidiana.Tali misure preventive devono essere considerate dal paziente, come una strategia comportamentale fondamentale, da inserire nella vita quotidiana, per evitare l'insorgenza del linfedema (es. in caso di asportazione di linfonodi inguinali), o per impedirne il peggioramento se già presente.

ARTO CON LINFEDEMA

  • Non utilizzare cinture ed indumenti che stringono.
  • Non camminare a piedi nudi in casa ed indossare scarpe comode.
  • Disinfettare accuratamente in caso di ferite locali.
  • Detergere la cute con saponi a ph acidi e idratare la cute.
  • Non esporsi al sole nelle ore calde.
  • Evitare le alte temperature (bagno o doccia molto caldi, sauna, termosifone, termocoperta, ecc.).
  • Evitare massaggi energici.
  • Non sottoporsi a terapie fisiche che utilizzano calore.
  • Non sottoporsi a pressoterapia senza drenaggio linfatico manuale associato.
  • Dormire con gli arti sollevati (se non ci sono problemi cardiologici).
  • Fare soste durante i lunghi tragitti in auto.
  • Muovere le gambe durante i viaggi aerei.
  • Non restare fermi in piedi o seduti per periodi prolungati.
  • Non trasportare pesi ed evitare sforzi muscolari eccessivi e prolungati.
  • Non urtare contro oggetti. contundenti
  • Evitare punture di insetti, tagli, ferite e abrasioni.
  • Evitare lesioni cutanee causate da animali domestici.
  • Utilizzare un rasoio elettrico per rimuovere la depilazione.
  • Evitare ferite durante il pedicure e non tagliare le cuticole con le forbici.


INOLTRE...

  • Evitare l’eccesso di peso.
  • Effettuare attività fisica costante (nuoto, ginnastica dolce in acqua non troppo calda, moto fisico regolare).
  • Usare creme idratanti per il benessere della cute.
  • In caso di ferite disinfettare immediatamente.
  • Effettuare il controllo linfologico periodico.
  • In caso di comparsa di arrossamento e dolore dell'arto, con o senza febbre, consultare il medico di base.

Studi

Pubblicazioni

Abstract